Auguri per il nuovo anno scolastico

Se una persona sogna da sola, è solo un sogno. Se molte persone sognano insieme, è l'inizio di una nuova realtà.

giovedì 19 novembre 2009

EVITARE IL PREGIUDIZIO
Considerando le difficoltà che si devono affrontare, con gli alunni stranieri si è in genere più indulgenti. Si tratta di un atteggiamento condivisibile, dato che sarebbe un assurdo pedagogico richiedere prestazioni analoghe ai madrelingua italiani. Bisogna fare attenzione però a che esso non si trasformi in un pregiudizio didattico per il quale la condizione di inferiorità comunicativa non è modificabile. Bisogna al contrario puntare a fornire nel più breve tempo possibile tutti gli strumenti linguistici perché l’alunno raggiunga gli obiettivi formativi che lo rendono autonomo sia a scuola sia nella società. Forse per alcuni sarà un obiettivo difficilmente raggiungibile, ma la scuola ha il dovere di perseguirlo con tutti i mezzi a disposizione.

9 commenti:

  1. Sono entusiasta dei progressi che Assan ,il mio alunno di terza,compie giorno dopo giorno. Padroneggia il computer e usa la LIM con disinvoltura!! Utilissimo in particolare il computer in classe che mi permette di individualizzare il suo lavoro senza rallentare la lezione quotidiana con il resto della classe.

    RispondiElimina
  2. Che bello avere colleghi che ancora si entusiasmano!!!
    Sono sicura che i progressi di Assan saranno da stimolo per tutti.

    RispondiElimina
  3. Immaginate invece quanta tristezza dover entrare ogni mattino in classe senza un briciolo di entusiasmo!! Assan è stato davvero una "bella novità" per tutti noi. Personalmente ho notato che la classe è cambiata, in positivo; i ragazzi del resto sono i primi, per natura, a fare propri i cambiamenti; il nuovo ed il diverso è invece più difficile da accettare per noi adulti.

    RispondiElimina
  4. Considerato che Assan utilizza il computer per la didattica, potrebbe essere interessante fargli visitare (e non solo a lui) il sito www.matematicamente.it. Oltre a vere e proprie lezioni di matematica, vi sono esercizi, test e tanti giochi (ovviamente matematici).

    RispondiElimina
  5. Grazie Luigi
    ho avuto modo di visitarlo,lo suggerirò alla collega di matematica!

    RispondiElimina
  6. Oggi Assan è riuscito con sua e nostra grande soddisfazione a partecipare attivamente(ovviamente sorretto dall'ins.e dai compagni) alla lezione che abbiamo tenuto nell'aula LIM.Ritengo che il lavoro individuale alternato a momenti di lavoro di gruppo sia molto gratificante per lui .Oggi ho avuto modo di sperimentarlo osservando l'espressione del suo volto ,la sua aria soddisfatta a fine lezione.

    RispondiElimina
  7. I progressi di Assan stanno coinvolgendo un po' tutti...sarebbe bello tenere un diario di bordo, annotando la situazione di partenza, i miglioramenti, le diffcoltà incontrate, le reazioni dei compagni e le aspettative. Sarà utile, poi, rivisitarlo con i compagni e professori per trarne qualche osservazione che sia un po' da stimolo per tutti

    RispondiElimina
  8. Condivido l'idea del diario di bordo; sarebbe davvero interessante riflettere alla fine dell'anno sui diversi aspetti di questo processo didattico e soprattutto di integrazione e potrebbe diventare un piccolo manuale d'uso per future occasioni... Propongo Tina che ha ottima capacità di focalizzazione e di sintesi! Assan è un ragazzo con un vissuto personale che ci è sconosciuto ed una cultura ben sedimentata che ignoriamo... eppure dimostra disponibilità, pazienza, voglia di apprendere ed estrema soddisfazione nel momento in cui gli si chiede di mettersi in gioco. Altro che pregiudizi!

    RispondiElimina
  9. Grazie al nostro instancabile Domenico che ha effettuato una meticolosa ricerca relativa alle lingue ,alla realtà del Senegal siamo riusciti a penetrare il mondo di Assan,il suo vissuto,la sua esperienza scolastica.Quale soddisfazione!Il francese è compreso da una minoranza della popolazione senegalese.A Nocera Scalo ci stiamo cimentando con il wolof!!!

    RispondiElimina